Gruppoicat
1995
Bamako
Yesretail
3 inaspettati casi di successo su Instagram

Instagram è come se fosse un photo-magazine personalizzato e interattivo, aggiornato ogni minuto e sempre a disposizione. Praticamente lo strumento di intrattenimento portatile perfetto, soprattutto per la cosiddetta classe creativa.

All’inizio era un mondo creato su misura dei fotografi dilettanti che volevano fare bella figura con amici, conoscenti e ipotetici partner sessuali. Poi sono arrivati gli esibizionisti, i ragazzi ricchi di mezzo mondo desiderosi di far vedere agli altri il proprio stile di vita smargiasso. Quindi sono arrivate le case di moda, le griffe del lusso, i giganti dello sportswear, e alla fine tutti gli altri.

Oggi per capire quanto Instagram sia maturo come media per la comunicazione aziendale, dobbiamo guardare all’uso che ne fanno aziende che non hanno nulla a che vedere con il glamour.

Studi comparati del 2014 (Forrester e SalesForce) hanno rilevato che i post dei brand su Instagram generano un engagement medio del 4,2%. Un numero che paragonato a quelli di Facebook (1,5%) e Twitter (3%) lasciano ben intendere i diversi atteggiamenti dell’audience di Instagram rispetto agli altri canali sociali generalisti.

GENERAL ELECTRIC

GENERAL ELECTRIC

Una delle strategie editoriali standard su Instagram consiste nell’usare il canale per dare una visione del dietro le quinte. Soprattutto nel mondo dello sport e della moda. Una delle più grandi industrie del pianeta, specializzata in tecnologie ed innovazione ha fatto propria questa strategia portandola però ad un nuovo livello. Alla fine del 2013 General Electric ha organizzato due lunghi tour in alcune delle sue strutture attraverso tutti gli Stati Uniti, invitando alcuni dei migliori fotografi di Instagram a ritrarre la tecnologia come se fosse un ambiente naturale. Ne sono usciti fuori degli scatti sorprendenti, di ottima qualità, che integrati con didascalie precise e interessanti hanno trasformato la percezione del brand General Electric, creando nel contempo migliaia di nuovi follower.

PAYPAL 

PAYPAL

Come fa una società specializzata in servizi finanziari digitali, immateriali, astratti, difficili da rappresentare, a raccontarsi ed intrattenere la comunità degli utenti Instagram? La sfida era niente male davvero, e infatti per risolverla è stata coinvolta una delle agenzie leader nel campo della comunicazione, Edelman Digital. La chiave creativa per risolvere il problema è stata trovata nei territori dello human insight, ovvero mostrare come PayPal aggiunga valore ed emozioni alla vita di tutti i giorni. L’esecuzione dell’idea creativa ha visto il coinvolgimento di 30 Instagramers di tutto il mondo. La campagna è stata un successo strepitoso: 9 milioni di impression, con una media di 136 engagement per post.

I vertici di Instagram hanno pubblicamente applaudito l’operazione, invitando il brand ad essere uno dei 10 marchi presenti sulla loro piattaforma di annunci sponsorizzati, unico marchio non di lifestyle.

OLD SPICE

OLD SPICE

La terza case history non riguarda barbosi prodotti industriali o finanziari ma l’adattamento di una delle campagne Above-the-line più di successo degli ultimi anni, quella del deodorante Old Spice. La chiave di volta è riassumibile in tre parole: libertà creativa totale. Praticamente tutto quello che non si è potuto fare su stampa e TV è stato fatto su Instagram. Il tono di voce ironico e iperbolico della pluriennale campagna si è applicato alla grande al contesto Instagram, generando centinaia di foto che in realtà sono tutti annunci stampa, in cui il concetto creativo della campagna “cose da veri uomini” è stato dilatato ed estremizzato al di là di ogni umana possibilità. Un lavoro enorme che ha coinvolto una decina di creativi. Il ROI di questa operazione si misura in sghignazzi generati nel pubblico; ne abbiamo calcolati 0,8 per post.

 

Fonti: Spredfast.com – Postano.comSocialbakers.com

Close