baglioni-sanremo-spot

Anche quest’anno torniamo a parlare del Festival di Sanremo dopo aver affrontato la polemica riguardo il promo pubblicitario del 2017.

Insomma, il Festival della canzone italiana fa sempre parlare di sé, quest’anno più che mai. Infatti, mentre in passato la comunicazione era di tipo emozionale, con il claim “Tutti cantano Sanremo“, quest’anno gli autori hanno voluto puntare sulla comicità, il cavallo di battaglia dei due nuovi presentatori che faranno da spalla a Baglioni: Claudio Bisio e Virginia Raffaele. Il primo reduce da una lunga carriera da presentatore di Zelig, la seconda conosciuta principalmente per le sue divertenti imitazioni.

commenti negativi spot sanremo 2019

Come abbiamo accennato in precedenza, gli spot del Festival della canzone italiana quest’anno puntano a far ridere, con diversi sketch di breve durata che vedono protagonista principale un Baglioni a tratti impacciato, e la presenza di alcuni attori famosi del panorama cinematografico italiano come Rocco Papaleo e Anna Foglietta.

Gli utenti del web non hanno potuto astenersi dal commentare subito i video, dividendosi tra chi li ritiene divertenti e chi, invece, li considera l’idea pubblicitaria più brutta di sempre.

commenti negativi spot sanremo 4

Ma qual è il messaggio che gli autori hanno voluto celare dietro questi spot? Proviamo ad analizzarlo insieme.

Il 2 gennaio esce il primo video che vede protagonista un Rocco Papaleo che, cercando le indicazioni per Sanremo, si imbatte in 4 mini-sketch con Claudio Baglioni nei panni di un benzinaio, di un vigile urbano, di un postino e di un prete.
Dopo due settimane esce il secondo video che, sulle orme del primo, cerca di far ridere lo spettatore. Questa volta, saranno Anna Foglietta e Melissa Greta Marchetto, nelle vesti di due biker, a chiedere le indicazioni stradali al povero Baglioni. Anche in questi mini-sketch, il cantante romano avrà diversi ruoli: il portiere, il gelataio, il pittore e l’ammiraglio.

commenti negativi spot sanremo 2

In entrambi gli spot, sembra che l’obiettivo degli autori sia quello di voler forzare la risata. Un esempio è dato dalle seguenti frasi pronunciate da Baglioni, prima in veste di postino e dopo di portiere:

 

“Sono postino ma non sono del posto”

“Sono portiere ma non so dove porta (la strada per Sanremo)”

 

Infine, tutti e due i video terminano con la stesso scambio di battute:

 

“Per Sanremo?”

“Hip Hip Hurrà!”

 

Il tutto con un sottofondo musicale molto criticato dal pubblico e che sembra anticipare l’intenzione degli spot.

Ma non è finita qua. Nei video che vengono pubblicati la settimana successiva, cambia leggermente il messaggio ma non il fine.

Infatti, tra il 23 e il 28 gennaio escono i tre video che introducono i presentatori di questa nuova edizione, e lo fanno in un modo del tutto originale. Questa volta, però, gli autori hanno deciso di optare per una colonna sonora autorevole, tipica delle manifestazioni che vogliono annunciare qualcosa in grande. La scelta musicale è stata molto apprezzata dagli utenti, alcuni dei quali hanno chiesto il titolo per poterla riascoltare.

 

Le tre scene si aprono con un’inquadratura sulla scalinata dell’Ariston con zoom sul presentatore che scende le scale, mentre una voce fuoricampo lo riempie di elogi e complimenti. Ecco che, però, la magia viene interrotta bruscamente.

Il presentatore fa una figuraccia in diretta e tenta di fare tutto il possibile per riprendersi: Baglioni cade dalle scale, Bisio prende fuoco e alla Raffaele si impiglia il vestito nelle decorazioni.

I video terminano con la voce fuori campo che ci dà l’appuntamento al 5 febbraio, sull’onda del “se tutto va bene”.

commenti negativi spot sanremo 3

Insomma, gli spot visti fino ad ora vogliono comunicarci che il 69° Festival di Sanremo non cercherà di raggiungere la perfezione, piuttosto punterà sulla comicità, sulla spontaneità dei conduttori e sul “bello del live”. Da sottolineare, tuttavia, la mancanza totale di accenni al tema fondamentale della manifestazione: la musica.

Quindi, non ci resta che aspettare il 5 febbraio per divertirci con gli sketch presenti durante le serate e, soprattutto, per ascoltare i protagonisti di questa nuova edizione.

Se tutto va bene, ovviamente.

 

Close